ARTICOLI

Border- Creature di confine

Border è un film del norvegese Ali Abbasi, già regista del bellissimo Lasciami entrare. La storia raccontata nel film è sorprendente e distopica. Un film che emoziona, a tratti disturba ed anche fa riflettere.

IL FILM

Tina, la protagonista della storia, da sempre si sente diversa dagli altri, ed è vero, lo è, sia per il suo aspetto non propriamente piacevole che per la particolare sensibilità alle emozioni delle persone.

Leggi tutto “Border- Creature di confine”

La paura dei legami: la controdipendenza

Sono in aumento in questo periodo storico le persone che “scelgono” di vivere senza un legame di coppia; vivere o essere soli sentimentalmente è ormai una condizione meno stigmatizzante rispetto al passato.

Alcuni single decidono di rimanere tali non tanto per mancanza di occasioni quanto perché apprezzano la libertà che non avere un rapporto di coppia stabile può dare loro. Trovare la propria soddisfazione anche in una vita da soli può essere positivo ed importante; talvolta anche necessario affinché la persona impari a conoscersi e a comprendere bene cosa vuole. Essere soli, in certi momenti della vita può essere sano, utile e far sentire bene le persone.

Al di là di queste considerazioni sembra essere però in aumento il numero delle persone, giovani e non, che hanno difficoltà ad accettare la dipendenza che stare in una relazione di coppia con un’altra persona può significare. Tali persone sembrano dirsi che amano di più la libertà piuttosto che la costrizioni che un legame comporta.

LA CONTRODPENDENZA

Il termine clinico per definire tale modalità è quello di contro-dipendenza. La controdipendenza ha le sue radici nei legami di attaccamento primari. Chi è contro-dipendente teme moltissimo di legarsi ad un altro poiché ha, in genere, avuto esperienze negative con i legami di attaccamento che ha vissuto in tenera età, generalmente con i genitori.

Tali figure sono state fortemente inadeguate o semplicemente disattente ai bisogno emotivi dei figli, creando nel bambino l’idea che non ci si può fidare e affidare fino in fondo a nessuno. Mamme depresse o fortemente inadeguate possono ad esempio essere eccessivamente richiedenti con i loro figli e riversare su di loro un affetto poco sano e permeato di aggressività. Anche la figura del padre può essere inadeguata, svalutante o incapace di vedere e accettare il figlio o la figlia per quello che sono.

I genitori possono essere stati anche molto adeguati a livello pratico nell’accudimento del bambino ma essere totalmente assenti dal punto di vista emotivo, lasciando nel figlio la convinzione di “essere sbagliato o colpevole” e per questo non amabile. In tutti in questi casi, il bimbo prima e l’adulto poi, sviluppano la convinzione inconscia che avere un legame non sia gratificante ma che significhi assumersi compiti e ruoli che non sono loro consoni, come ad esempio quelli di essere per i genitori delle figure di accudimento.

LA PAURA DELL’ABBANDONO

Queste persone scelgono o preferiscono quindi essere molto autonomi perché instaurare un legame d’amore sembra rappresentare per loro un grande pericolo emotivo; essi temono che dietro un’ apparente normalità ci possa essere  mancanza di attenzione e amore.

Quello che l’individuo contro-dipendente sviluppa è la capacità di essere autonomo, di pensare a se stesso, nella convinzione che la relazione con l’altro possa danneggiarlo o essere causa di abbandono. La paura dell’abbandono è infatti un altro dei temi che caratterizzano queste persone che in età precoce esse hanno subito un abbandono reale o emotivo dalle figure di accudimento.

IL NARCISISMO

Chi attua i meccanismi di difesa evitanti o ambivalenti e teme di dipendere ha tratti narcisisti. Il narcisista è colui che usa l’altro e lo colpevolizza ma al contempo è anche chi teme di amare oichè sente di non meritare l’amore. In termini clinici questo narcisismo è definito covered, cioè coperto, non evidente. Questa tipologia di persone sente nel profondo di non potersi fidare di nessuno e di non potere essere accettato per quello che è.

PAURA D’AMARE

Le persone contro-dipendenti hanno paura d’amare perché questo mette in crisi l’autonomia che si sono a fatica costruite per evitare di soffrire. Dietro alla loro autonomia si nasconde infatti una forte fragilità e sfiducia nei confronti dell’altro.

Quando si troveranno in una situazione in cui hanno di fronte una persona che le ama saranno sopraffatti dall’antica paura di affidare, almeno parzialmente, i propri bisogni emotivi ad un altro. Spesso queste persone sabotano le loro relazioni o scappano quando il rapporto si può fare più profondo ed impegnativo.

Solo recuperando il senso della propria storia e delle proprie paure più profonde può diventare possibile per queste persone accedere ad una relazione d’amore.  Nel legame non c’è solo pericolo ma anche la possibilità di costruire qualcosa di sano e bello insieme ad un’altra persona. Questo non significa affidarsi totalmente all’altro ma permettergli di avvicinarsi senza temere di esserne danneggiati.

Immaginazione e guarigione

COSA E’ L’IMMAGNAZIONE?

L’immaginazione è un’attività della mente che si caratterizza per l’uso della fantasia. Questo sostantivo deriva dal latino e significa letteralmente “creare immagini”. Immaginare significa creare immagini interne e collegarle fra loro fino a creare fantasie o storie che esistono dentro di noi e non nella realtà.

ll pensiero comune sembra relegare l’immaginazione ad una sorta di pensiero con poco valore poiché distante dalla razionalità, dimenticando che l’essere umano non è solo ragione ma anche emotività, fantasia e, soprattutto, in una lettura analitica,  portatore di immagini interne.

Grandi artisti o scienziati hanno potuto creare con la loro immaginazione opere d’arte o nuovi modi di interpretare i fenomeni della realtà. Tale funzione non è però riservata alle grandi menti ma è parte di ognuno di noi. Nel bambino l’immaginazione, ed insieme ad essa il gioco, è la base per la formazione delle strutture psichiche di quello che sarà poi l’individuo adulto. Il gioco simbolico si basa infatti sulla possibilità di immaginare, di fare “come se”, di costruire una realtà anche senza la realtà. Questo è il primo passo per la nascita del pensiero razionale e di un rapporto con il mondo.

IMMAGINAZIONE E AZIONE

Fantasticare permette di uscire dagli angusti schemi della razionalità e permettere alla mente di esplorare nuove prospettive. Banalmente ogni atto ed ogni decisione originano dall’immaginare un evento. Per cambiare qualcosa del proprio mondo interno o di quello esterno immaginare è il primo passo; fare dunque un pensiero nuovo e di conseguenza un’azione nuova. Uscire da un  pensiero meccanico, abituale, permette di lasciare emergere un desiderio, un’immagine nuova dentro di noi e scoprire dove essa ci porta.

IMMAGINAZIONE E DEPRESSIONE

L’immaginazione è una funzione della psiche, forse la più importante, per quello che riguarda la possibilità di guarigione.  Immaginare è una funzione che mette l’individuo in grado di uscire da una lettura strettamente concreta della sua situazione; l’immaginazione apre alla possibilità di creare nuove letture della situazione e nuove strade dentro di sé. Non a caso chi soffre di un disturbo depressivo è completamente bloccato in uno stato emotivo di tristezza ed impotenza, in un pensiero rigido. Non è possibile per chi è depresso immaginare il cambiamento, la vita appare statica così come lo sono le emozioni di tristezza e di apatia.

L’IMMAGNAZIONE e ANALISI

Jung descrive nel Libro rosso, testo uscito postumo solo nel 2008, un viaggio immaginario dentro di sé e dentro le immagini della sua mente. Tale testo, frutto del lavoro di molti anni, permetterà allo psicoanalista svizzero, di uscire da una forte depressione e di dare corpo ad alcune delle intuizioni più fertili della sua psicologia. Dopo di Jung Hillman in epoca contemporanea ha utilizzato il termine di psicologia immaginale o di psicologia archetipica. L’immaginale per lui è il mondo della possibilità e del cambiamento.

L’IMMAGINAZIONE ATTIVA

La terapia junghiana utilizza un tecnica chiamata Immaginazione attiva. Essa è stata teorizzata da Jung come metodo di esplorazione di sé e delle proprie immagini interne. L’immaginazione attiva consiste nel ricercare per l’appunto attivamente uno spazio di eleborazione di fantasie ed immagini. Secondo la teoria junghiana dentro di noi esistono “a prescindere” delle immagini interne, quali possono essere i sogni o le fantasie ad occhi aperti. E’ proprio esplorando tali immagini che si può scoprire parti di sé dimenticate, o non consapevoli, ed attivare così un processo di guarigione.

IMMAGINAZIONE E GUARIGIONE

L’immaginare mette in moto delle possibilità interne e crea ponti con differenti realtà. Esso è un canale di accesso per i desideri e le immagini che giacciono dentro di noi, spesso dimenticate. La depressione può sopraggiungere proprio perché il legame con tali immagini è rimosso e richiede di essere esplorato.

Coltivare la propria immaginazione diviene quindi un atto fortemente terapeutico che può aprire a nuovi modi di essere e a nuove consapevolezze. Immaginazione e creatività sono un binomio fondamentale per tornare a stare bene. Per questo spesso in terapia si utilizzano le immagini oniriche, le fantasie o il disegno per lavorare insieme al paziente. Immaginare di poter tornare “a stare bene” è il primo passo perchè ciò avvenga; in genere questo richiede dei cambiamenti sia interni che esterni alla persona che si devono poter immaginare prima che essi si realizzino nella realtà.

Il viaggio infero: incontrare l’Ombra

CHE COSA E’ L’OMBRA?

Con il concetto di Ombra Jung definisce quella parte dell’individuo che non è consapevole e che racchiude in sé aspetti di noi sia negativi che positivi ignorati.  Dapprima Jung fa coincidere l’Ombra con l’inconscio personale poi nel corso della sua opera ne amplia il significato e l’ombra diviene uno degli archetipi fondanti il percorso di individuazione. L’archetipo dell’Ombra è uno dei primi con cui ci si deve confrontare all’interno di un percorso di crescita e trasformazione. Jung chiama questo percorso Individuazione.

Leggi tutto “Il viaggio infero: incontrare l’Ombra”

L’ombra del padre e l’autostima della donna

 

L’autostima della donna si costruise in relazione al padre; essa in età adulta si confronta con un’idea di sé e del proprio agire nel mondo non solo come madre e compagna di un uomo ma anche come una persona capace di perseguire una professione o un progetto. Per fare fronte a quest’esperienza essa deve fare appello alla propria energia interna maschile e non solo a quella femminile. Entra in questo caso in campo l’energia rappresentata dal suo Animus e dal rapporto con il padre.

Leggi tutto “L’ombra del padre e l’autostima della donna”

La fragilità psicologica nell’uomo

L’uomo, così come la donna, puo’ attraversare momenti di vita che lo rendono fragile. Se tale fragilità viene però nengata il rischio è quello che le difficoltà psicologiche vissute si aggravino. Tale negazione sembra essere spesso legata ad una sorta di vergogna nel vedersi fragili e bisognosi di aiuto. La ragioni di tale vergogna si possono riscontrare storicamente e culturalmente.

Leggi tutto “La fragilità psicologica nell’uomo”

I disturbi dell’apprendimento: come affrontarli per aiutare i propri figli

Negli ultimi anni c’è stato un notevole incremento nella diagnosi e del supporto dei bambini affetti dai disturbi dell’apprendimento (Disturbo da deficit attentivo, dislessia, disgrafia, discalculia).  Il mondo della scuola diviene infatti sempre più complesso e richiedente lasciando indietro alcuni bambini che hanno una fragilità. Questo può creare un senso di svalutazione e l’idea di non essere all’altezza nei bimbi che restano indietro.

Leggi tutto “I disturbi dell’apprendimento: come affrontarli per aiutare i propri figli”

L’importanza del padre nello sviluppo psicologico della donna

Il padre è una figura di riferimento fondamentale per la donna durante il suo sviluppo, dall’infanzia alla vita adulta.

IL PADRE COME TERZO

Dopo un fase simbiotica con la madre la bambina rivolge al papà le proprie attenzioni in quel periodo definito da Freud il periodo della triangolazione edipica. Il padre quindi è il terzo quello che mette una distanza con la madre e che rappresenta l’altro da sé.

Leggi tutto “L’importanza del padre nello sviluppo psicologico della donna”

LADYBIRD…imparare a volare lontano dal nido

Lady Bird è un’adolescente che vive in un’anonima provincia americana, che sogna di frequentare un’università prestigiosa in una zona del paese meno provinciale. Il film racconta i suoi ultimi anni di liceo, le sue prime traversie sentimentali e il rapporto conflittuale con la madre che sembra ostacolarla nelle sue aspirazioni di libertà ed indipendenza.

Leggi tutto “LADYBIRD…imparare a volare lontano dal nido”

Alaska

IL FILM
Fausto e Nadine si incontrano a Parigi, da subito si amano e da subito le loro vite si incrociano in un vortice di amore e violenza.
All’inizio del film è Fausto a scontare la colpa di una fatale bravata per fare colpo su Nadine. Lei lo attenderà, inaspettatamente,  per due lunghi anni alla fine dei quali finalmente potranno conoscersi ed amarsi. Così come è accaduto per Fausto anche Nadine andrà incontro ad un drammatico destino in un escalation di violenza che la porterà a finire in carcere.

Leggi tutto “Alaska”