Anima e corpo…l’amore e il sogno

Anima e corpo di Ildikò Enyedi è un piccolo capolavoro di poesia, vincitore del leone d’oro all’ultimo festival di Berlino.

La storia racconta il lento avvicinamento di due persone, il nascere di un sentimento d’amore guidato principalmente dalle immagini dei sogni.

Il film si svolge a Budapest; Endre e Mária lavorano entrambi in un macello, la prima come addetta alla qualità e il secondo come capo del personale. Entrambi conducono vite solitarie, entrambi sembrano portare il segno di una fragilità. Endre ha una mano paralizzata mentre Mária si relaziona con il mondo con autistica rigidità. Il loro lento avvicinamento avviene poiché entrambi fanno di notte il medesimo sogno in cui sono due cervi in un bosco.

TROVARE L’AMORE

La storia di Endre e Mária è decisamente fuori dagli schemi e, in effetti, fuori dallo spazio e dal tempo della dimensione cosciente. Quello che guida questa relazione è la dimensione dell’inconscio; quest’uomo e questa donna sono legati ad un livello profondo, non cosciente, che li guida l’uno verso l’altro. Si potrebbe dire che i loro inconsci si parlano.

I meccanismi dell’innamoramento sono in effetti completamente slegati dalla dimensione cosciente. Quando ci si innamora entrano in gioco delle proiezione inconsce. Con il termine Animus Jung definisce la controparte maschile inconscia della donna e con il termine Anima, viceversa, la controparte femminile inconscia dell’uomo. Tali figure interne entrano in gioco quando un uomo e una donna si innamorano. Alcuni aspetti di sé vengono proiettati e riconosciuti nell’altro. Questo gioco di proiezioni non basta a spiegare l’insondabile mistero di un amore ma in parte ne è motore.

IL SOGNO CI GUIDA

Quello che è certo è che nella storia i due personaggi sono guidati dai loro sogni.

La funzione dei sogni è, in effetti, quella di fornire al sognatore una guida per comprendere meglio la realtà sia interna (relativa a se stesso) che esterna. Il sogno è una fotografia “emotiva” della persona in un dato momento e mette in evidenza dimensioni e aspetti di cui l’Io non è consapevole.

Jung parla di una funzione di compensazione del sogno; il sogno parla di aspetti che il nostro Io non conosce. I due protagonisti nella loro vita onirica sono un coppia e questo li farà avvicinare anche nella vita reale.

ANIMA E CORPO

Gli animali nei sogni sono legati al tema degli istinti; il cervo con la sua potenza ci parla di una dimensione che è legata al corpo ed anche alla sessualità intesa come funzione naturale. Questo animale rappresenta simbolicamente anche una dimensione spirituale; le sue corna infatti si intrecciano nel cielo a partire dal corpo dell’animale. Il bosco inoltre è per eccellenza un luogo liminare, di incontro con una dimensione altra.  Il cervo quindi è fortemente istintuale ma al contempo legato alla dimensione dei cicli naturali della morte e della rinascita. Un simbolo che ben si presta a rappresentare il complesso rapporto fra anima e corpo.

Il sogno racconta di una coniunctions, di un congiungersi di un maschile e di un femminile, di un uomo e di una donna, che è sia fisico che spirituale.

LA SINCRONICITA’

Il fatto che i due protagonisti facciano il medesimo sogno, ognuno impersonando l’animale del proprio sesso nella coppia, è un evento che Jung definirebbe sincronico.

La sincronicità è un evento complesso in cui una realtà interna trova una corrispondenza in una realtà esterna senza che ci sia un legame causale fra i due eventi ma bensì un legame di significato. Fare contemporaneamente lo stesso sogno è senza dubbio un evento sincronico che porta i due protagonisti a cercarsi e ad innamorarsi, nonostante sia per entrambi un lento e faticoso avvicinamento.

Il film sembra rilanciare l’idea romantica che le Anime affini, in qualche modo, possano incontrarsi e che una dimensione molto profonda, in qualche modo, li guidi l’uno verso l’altro. In un mondo che valorizza l’ estroversione, dove gli incontri con l’altro sono spesso superficiali, chi è introverso sembra avere meno chances di trovare l’anima gemella. Eppure è proprio stando nella propria introversione e nel contatto con le proprie immagini profonde che i due protagonisti trovano il modo per incontrarsi ed innamorarsi.

La dimensione del corpo è sempre fortemente legata a quella dell’Anima, anche se spesso la nostra cultura ne fa due dimensioni distinte. L’inconscio dei due personaggi del film sembra  indicare che quello che è spirituale è, al contempo, anche legato al corpo e che la dimensione esterna, del mondo, e quella interna, degli individui, possono essere fortemente è misteriosamente legate fra loro.

THE DANISH GIRL… il dolore della trasformazione

The danish girl è il film di Tom Hooper tratto dalla biografia di Einar Wegener (La danese, scritto nel 2000 da David Ebershoff), il primo transessuale nella storia che si è sottoposto all’operazione per il cambio di sesso.

Leggi tutto “THE DANISH GIRL… il dolore della trasformazione”

THE PLACE, cosa non faresti per essere felice?

IL FILM

The Place è il luogo dove ognuno porta il suo desiderio e il suo bisogno, la sua richiesta alla vita, per salvare qualcuno o per ritrovare una parte di sé; è anche il luogo della disperazione, l’ultima spiaggia dell’esistenza.

Leggi tutto “THE PLACE, cosa non faresti per essere felice?”

UN RE ALLO SBANDO

Un re allo sbando è un film delicato e surreale, che ben si presta ad una lettura psicologica e ad una interpretazione della storia in chiave junghiana, così come accade alle fiabe ed ai miti.

Leggi tutto “UN RE ALLO SBANDO”

UN BACIO, l’adolescenza e la sua fragilità

IL FILM
Un bacio di Ivan Cotroneo è un film sull’ adolescenza e sull’ amicizia.
Il film racconta tre giovani vite, complicate così come ce ne possono essere tante: tre ragazzi sensibili ed intelligenti che trovano forza l’uno nell’ altro, per fronteggiare un mondo che appare ed è ostile.
Cotroneo tocca, con sensibilità ed intelligenza, temi molto attuali: il bullismo, l’omofobia, la violenza.
Tutti, ragazzi ed adulti, vengono descritti con sapienza ed attenzione alle sfumature e alle complicazioni della vita.

Leggi tutto “UN BACIO, l’adolescenza e la sua fragilità”

Jeeg Robot d’acciaio, nascita di un supereroe tutto italiano

Jeeg Robot d’acciaio è un film originale e riuscito. Ben scritto, ben diretto e ben interpretato.  Una favole nera ed ironica sulla nostra società. Una rilettura originale e tutta italiana del super eroe giapponese.

Leggi tutto “Jeeg Robot d’acciaio, nascita di un supereroe tutto italiano”

THE LOBSTER…alla ricerca dell’amore

The Lobster è un film sorprendente ed originale che propone una cupa riflessione sul tema della coppia e dell’amore. Un affresco ironico e crudele sulle nostre società e sui paradossi che sembrano caratterizzarle.

Leggi tutto “THE LOBSTER…alla ricerca dell’amore”

Perfetti sconosciuti

IL FILM

Perfetti sconsciuti racconta di una serata tra amici di vecchia data. Cosa può capitare se improvvisamente i messaggi custoditi nei telefoni di ognuno venissero letti pubblicamente?
Questo è l’espediente narrativo che porta i protagonisti del film a mettere a nudo debolezze e segreti e a condividerli con il partner e con gli amici di una vita. Complice di questo disvelamento un’eclissi di luna che aiuta gli animi a raccontarsi in piena verità.

Leggi tutto “Perfetti sconosciuti”

Il racconto dei racconti…una fiaba moderna

FIABA ED INCONSCIO
Scondo la psicologia Junghiana la fiaba ci parla delle problematiche psicologiche che caratterizzano una determinata epoca; in essa trova voce e forma l’Inconscio Collettivo che appartiene a una cultura o ad una determinata situazione storica.
Il Racconto dei racconti di Matteo Garrone è una rivisitazione di 3 fiabe, tratte dal libro Lo cunti de li cunti di Giambattista Basile, autore napoletano del XVII secolo. Il film è una favola moderna con l’energia e la potenza evocativa che solo l’inconscio collettivo può avere.
IL FILM
La prima storia narra di una regina sterile che desidera sopra ogni cosa un figlio; in parallelo compare la vicenda di  un re, padre distratto, ossessivo e ripiegato su se stesso; compare infine un re-satano, perso nei piaceri della carne ed inorridito dall’idea della vecchiaia, a cui fanno da contraltare 2 anziane filatrici che cercano di ritornare giovani.

Leggi tutto “Il racconto dei racconti…una fiaba moderna”

La pazza gioia…due follli amiche alla ricerca della felicità

La pazza gioia è un film bello e toccante che parla di follia, di amicizia e della possibilità di farcela nonostante tutto.  Il film offre uno spaccato onesto e vero sul mondo della malattia mentale e sulle possibilità di cura che ci sono attualmente.

Leggi tutto “La pazza gioia…due follli amiche alla ricerca della felicità”